Quei favolosi anni 90

Negli anni novanta (gli anni compresi tra il 1990 e il 1999) il progresso tecnologico e la vita moderna cambiano radicalmente la società e lo stile di vita. Cresce enormemente il potere dell'immagine, la moda diventa protagonista dei messaggi promozionali, la pubblicità sempre più mirata e sofisticata grazie all'ausilio di testimonial di successo a garanzia del prodotto.

Nello stesso tempo avviene il processo contrario rispetto a quanto accadeva negli anni 80: se nel decennio scorso l'apparenza costituiva un valore fondamentale, negli anni 90 prevale invece il culto dell'essere e dello stile personale. Tra le icone ed i fenomeni di costume di questi anni restano memorabili il Furby e il Tamagotchi, mentre il Karaoke di Fiorello spopolava nelle piazze di tutta Italia.



Nei primi anni del decennio lo scenario politico internazionale risente ancora gli effetti della caduta del Muro di Berlino. Si susseguono una serie di eventi positivi che negli anni successivi avrebbero ribaltato gli equilibri del mondo: la storica riunificazione della Germania nel 1990, la dissoluzione dell'Unione Sovietica e l'indipendenza delle repubbliche sovietiche nel 1991, il Trattato di Maastricht che sanciva di fatto la nascita dell’Unione Europea nel 1992, la liberazione di Nelson Mandela e la fine dell’apartheid in Sud Africa nel 1994.

In Italia inizia la stagione di Mani Pulite e la fine della Prima Repubblica. Il 17 febbraio del 1992, con l'arresto del socialista Mario Chiesa, parte la maxi-inchiesta giudiziaria (nota anche come Tangentopoli) che travolse la Prima Repubblica e cambiò radicalmente la storia del nostro paese.

I Media acquistano in questi anni un potere tale da influenzare a dismisura la nostra vita quotidiana. Entrano nelle nostre case proiettandoci in tempo reale dentro le notizie o gli avvenimenti più importanti, rendendo purtroppo oltremodo spettacolari con le immagini dal vivo anche gli eventi più crudi. La guerra del Golfo (l'operazione “Desert Storm”), destinata ad entrare quotidianamente nelle nostre case con le dirette della CNN, sarà l'esempio più eclatante di questo fenomeno.

Ma ciò che resta sicuramente memorabile degli anni 90 è l'avvento di internet: il 6 agosto 1991 il CERN annuncia ufficialmente la nascita del World Wide Web, pubblicando online il primo sito web della storia. Con l'arrivo della rete non esistono più confini per chiunque voglia comunicare con il mondo intero stando comodamente seduto davanti al proprio computer. Ormai siamo già entrati nell'era della comunicazione globale.

"Noi che avevamo la cabina e usavamo i gettoni per telefonare
Noi che avevamo la Polaroid e aspettavamo che uscisse la foto
Noi che la nostra penitenza era ‘dire,fare,baciare,lettera,testamento'
Noi che per sapere se c’era l’amico in casa suonavamo il campanello
Noi che sorridiamo ogni volta quando ripensiamo a quei bellissimi anni
e che sappiamo che gli altri non immaginano nemmeno cosa si sono persi"