Correva l'anno 1993

1994: continua anche quest'anno la raffica di avvisi di garanzia ai politici da parte della magistratura milanese impegnata nella vasta operazione denominata "mani pulite". Molti sono i ministri costretti a dimettersi.

Desta scalpore l'avviso di garanzia per associazione a delinquere di stampo mafioso che viene consegnato a Giulio Andreotti, chiamato in causa dalle confessioni dei soliti pentiti. Il 22 aprile Amato rassegna le sue dimissioni da Presidente del Consiglio.



Ciampi viene incaricato di formare il nuovo Governo. La procura della Repubblica di Milano chiede al Parlamento l'autorizzazione a procedere contro Bettino Craxi. La Camera, dopo alcune consultazioni, decide di concedere l'autorizzazione solo per l'accusa di finanziamento illecito ai partiti, respingendo quelle di corruzione e ricettazione.

Vengono varate durante il corso dell'anno alcune riforme importanti come la legge sulla elezione diretta del sindaco e la riforma elettorale, che introduce il sistema maggioritario misto a quota proporzionale del 25%. Grazie all'elezione diretta Francesco Rutelli diventa quest'anno sindaco di Roma.

La mafia torna a colpire duramente. Durante la notte del 27 maggio un'autobomba esplode nel cuore di Firenze in via dei Georgofili, nei pressi degli Uffizi, che subisce ingenti danni.

Altri due attentati simili avvengono in via Fauro a Roma, vicino al teatro Parioli (qualche istante dopo il passaggio di Maurizio Costanzo che si salva per un soffio) e in via Palestro a Milano. La strategia del terrore è diventata ormai la risposta disperata della mafia all'offensiva scatenata nei suoi confronti dallo Stato.

A Washington si incontrano il premier israeliano Rabin e il leader dell'OLP Yasser Arafat per firmare un accordo con la mediazione del Presidente Americano Bill Clinton.

Nel 1993 la Microsoft mette sul mercato il primo sistema semi operativo "Windows 3", dal quale deriverà in seguito Windows 95. Arrivano in Italia anche i primi microprocessori Pentium per pc. Intanto si inizia a parlare di rete come possibile sistema di comunicazione del futuro.

Dilagano in televisione talk-show e programmi di approfondimento su temi politici e sociali come "Milano,Italia" di Gad Lerner e "Il rosso e il nero" di Michele Santoro.

Parallelamente hanno successo programmi d'intrattenimento leggero come la prima edizione di "Scherzi a parte" e personaggi emergenti come Fiorello, che riscuotono immediatamente il gradimento del pubblico italiano.

Al cinema il film più visto è "Il fuggitivo" con Harrison Ford. Il mondo della musica italiana celebra una nuova eroina: si tratta di Laura Pausini, vincitrice delle proposte giovani di Sanremo con "La solitudine.

"Noi che avevamo la cabina e usavamo i gettoni per telefonare
Noi che avevamo la Polaroid e aspettavamo che uscisse la foto
Noi che la nostra penitenza era ‘dire,fare,baciare,lettera,testamento'
Noi che per sapere se c’era l’amico in casa suonavamo il campanello
Noi che sorridiamo ogni volta quando ripensiamo a quei bellissimi anni
e che sappiamo che gli altri non immaginano nemmeno cosa si sono persi"