Correva l'anno 1991

Il 1991 è l'anno della prima guerra del Golfo. Alla scadenza dell'ultimatum nei confronti dell'Iraq in seguito all'invasione del Kuwait, il 17 gennaio parte l'offensiva delle Nazioni Unite, alla quale partecipa anche L'italia.

Dopo un mese di massicci bombardamenti da parte degli alleati occidentali, l'Iraq capitola alla fine di febbraio. Gli eventi bellici vengono seguiti in diretta televisiva in tutto il mondo.



Per la prima volta la guerra entra nelle case attraverso la televisione, grazie soprattutto alla CNN, che rivoluziona il mondo dell'informazione mediatica dei primi anni '90. Peter Arnett, corrispondente dal fronte, diventa in questo periodo uno dei giornalisti più popolari del mondo.

Due piloti italiani, Il maggiore Bellini e il tenente Cocciolone, vengono fatti prigionieri dagli Irakeni. Fanno scalpore nel nostro paese le immagini trasmesse in tv dei loro interrogatori. Si teme per la loro vita, ma per fortuna verranno presto liberati e torneranno in Italia accolti con tutti gli onori.

L'annata politica è caratterizzata dalle famose esternazioni del Presidente Cossiga, soprannominato per questo "il picconatore". Le sue critiche sono rivolte principalmente agli organi istituzionali. Intanto Andreotti, dopo le dimissioni conseguenti alla nuova crisi politica, assume nuovamente l'incarico di formare il suo settimo Governo.

Nel PDS di Occhetto avviene quest'anno una svolta storica. Spariscono dal simbolo del partito la falce e il martello, che vengono fatti propri però dall'ala più estrema della sinistra, che opera una scissione dando vita ad un nuovo partito denominato "Rifondazione Comunista".

Prosegue anche la lotta alla Mafia. Nasce la DNA (Direzione Nazionale Antimafia). Un terribile incendio, che si scoprirà in seguito di origine dolosa, distrugge uno dei teatri storici più belli d'Italia: il Petruzzelli di Bari.

Un drammatico incidente accade al Moby Prince, un traghetto partito da Livorno, che si scontra con una petroliera dell'Agip. A causa del ritardo nei soccorsi moriranno nello spaventoso rogo 141 persone.

Prendono il via da quest'anno le trasmissioni di "Tele Più", la prima tv a pagamento. Azionista e Presidente ne è Vittorio Cecchi Gori.

Nel cinema dominano la stagione "Il silenzio degli innocenti" straordinariamente interpretato da Anthony Hopkins (il famigerato Hannibal Lector), "Thelma & Luise", con Geena Davis e Susan Sarandon, "JFK", grande capolavoro di Oliver Stone e "Mediterraneo", la pellicola tutta italiana di Gabriele Salvatores che si aggiudicherà anche l'oscar.

Calano gli ascolti di Sanremo; la musica italiana subisce una leggera flessione, mentre dilaga la musica straniera. Uno degli album più venduti è "Achtung baby" degli U2. Tra i principali successi dell'anno da segnalare "Gipsy woman" di Christal Waters.

"Noi che avevamo la cabina e usavamo i gettoni per telefonare
Noi che avevamo la Polaroid e aspettavamo che uscisse la foto
Noi che la nostra penitenza era ‘dire,fare,baciare,lettera,testamento'
Noi che per sapere se c’era l’amico in casa suonavamo il campanello
Noi che sorridiamo ogni volta quando ripensiamo a quei bellissimi anni
e che sappiamo che gli altri non immaginano nemmeno cosa si sono persi"