Correva l'anno 1970

1970: I primi mesi dell'anno sono dominati da avvenimenti di carattere politico: nel mese di febbraio si dimette il governo Rumor, che viene però riconfermato; nasce lo Statuto dei Lavoratori mentre, nel mese di giugno, arrivano le prime elezioni regionali.

Dopo un'ennesima crisi si arriva nel mese di agosto alla formazione di un nuovo governo presieduto da Emilio Colombo. Per la prima volta a Milano compare il simbolo delle Brigate rosse in un volantino.



Il calcio si afferma sempre di più come lo sport preferito dagli Italiani: è l'anno dello storico scudetto del Cagliari del grande Gigi Riva. Ma l'avvenimento clou è rappresentato dai mondiali in Messico: la semifinale con la Germania, vinta dai nostri 4-3, entra nella storia. Purtroppo verremo poi sconfitti in finale dallo straordinario Brasile di Pelè.

Si festeggiano quest'anno i cento anni di Roma capitale, che diventa teatro di numerosi eventi mondani e culturali. La stagione televisiva vede la nascita di "giochi senza frontiere" e "Rischiatutto", programma che, insieme al suo conduttore Mike Bongiorno, entra di diritto nella storia del quiz.

L'edizione di Canzonissima di quest'anno è una delle più celebri. Presentata da Corrado e Raffaella Carrà, che lancia il famoso "Tuca tuca", vede passare sul palco ospiti di grande rilievo come Gigi Proietti, al suo debutto, Alberto Sordi, Vittorio Gassman, Renato Rachel e Alighiero Noschese.

Alla radio partono due programmi storici: "alto gradimento" di Arbore e Boncompagni e "batto quattro", varietà condotto dall'indimenticabile Gino Bramieri. In ambito musicale desta clamore lo scioglimento dei Beatles, che intraprenderanno carriere da solista.

E' comunque un anno ricco di novità: Escono album leggendari come " Dejà vu' " di Crosby, Stills, Nash & Young, "Deep Purple in rock", "Trespass" dei Genesis, "Atom heart mother" dei Pink Floyd, "Abraxas dei Santana.

In agosto si svolge un festival nell'isola di Wight: protagonista assoluto è ancora Jimi Hendrix, che qualche settimana dopo viene trovato morto in un appartamento a Londra in seguito ad un'intossicazione da barbiturici. Termina così la parabola di un artista "maledetto" che entrerà per sempre nella leggenda del rock.

In Italia "Chi non lavora non fa l'amore", una facile canzonetta cantata da un'inedita coppia formata da Celentano e sua moglie Claudia Mori, vince il festival di Sanremo.

Da segnalare poi "La lontananza" di Modugno e la colonna sonora di "Anonimo veneziano", che ottengono buoni consensi. Ma è dall'estero che arrivano altri due grandi successi memorabili: "It's five o' clock" degli Aphrodites Child e "Venus" degli shocking blue.

"Noi che avevamo la cabina e usavamo i gettoni per telefonare
Noi che avevamo la Polaroid e aspettavamo che uscisse la foto
Noi che la nostra penitenza era ‘dire,fare,baciare,lettera,testamento'
Noi che per sapere se c’era l’amico in casa suonavamo il campanello
Noi che sorridiamo ogni volta quando ripensiamo a quei bellissimi anni
e che sappiamo che gli altri non immaginano nemmeno cosa si sono persi"